Cronache dei disadattati

Idee e persone scomparse, vecchie cose alla rinfusa. Memorie di un mondo che perde gradualmente la trebisonda.
gente che seguo su tumblr

peerintothepast:

Joseph Goebbels allegedly frowning at photographer Alfred Eisenstaedt after finding out the famed photographer was Jewish, 1933.
life

Ginevra, 1933: Joseph Goebbels alla Lega delle Nazioni. Affabile e cortese col fotografo Alfred Eisenstaedt fino a un momento prima. Qualcuno gli ha fatto notare che Eisenstaedt è ebreo.

Nell’Albania comunista il compleanno di Enver Hoxha era una festa nazionale, in ossequio ai principi del culto della personalità: perché l’Albania di Hoxha era un paese di osservanza marxista-leninista e stalinista.

Era uso in questa ricorrenza che i gruppi che cantavano le arcaiche forme poetiche e musicali albanesi si esibissero in una cerimonia in onore di Enver Hoxha.

Questo filmato proviene da un’esibizione in lode del Grande Maestro, Supremo Comandante, Unica Forza, Primo segretario del partito del lavoro, Primo presidente del consiglio dei ministri della Repubblica popolare albanese. L’anno è il 1983, il suo penultimo compleanno.

Difficile dire oggi il motivo, ma Enver Hoxha appare subito profondamente toccato. Sarà forse il riferimento alla sua età (i capelli grigi, la saggezza) e gli auguri di lunga vita, forse il ritmo o le voci che gli ricordano qualche bel momento della sua gioventù. A canzone finita il vecchio dittatore, Komandant dhe Komisar, ha le lacrime agli occhi.

magictransistor:

Thomas Moore. A Fruitful and Pleasant Work of the Best State of a Public Weal, and of the New Isle Called Utopia. 1516.
Hand-tinted map of the Island of Utopia.

Una carta geografica dell’isola di Utopia, dipinta a mano, per illustrare un’antica edizione del Libellus vere aureus, nec minus salutaris quam festivus de optimo rei publicae statu, deque nova insula Utopia, di sir Thomas Moore, libro più noto semplicemente come L’Utopia.
Romanzo filosofico in latino aulico, edito nel 1516, Utopia narra del viaggio di Raffale Itlodeo nella misteriosa isola che qui potete vedere, con raffigurate la sua capitale, altre città, le fonti e la foce del fiume Anidro.
Utopia, un classico del pensiero rinascimentale, porta sulla carta il sogno degli intellettuali da Platone in poi: di ridisegnare la società a loro immagine e somiglianza - e di governarla, s’intende. Sogno mai abbastanza celato.
Il risultato - sempre sulla carta - è una società perfetta. Economia pianificata, pace sociale, istruzione, cultura in ogni dove, lavoro e pane per tutti: tutto questo si trova sull’isola di Utopia, insieme a pesanti pene detentive per gli adulteri.

magictransistor:

Thomas Moore. A Fruitful and Pleasant Work of the Best State of a Public Weal, and of the New Isle Called Utopia. 1516.

Hand-tinted map of the Island of Utopia.

Una carta geografica dell’isola di Utopia, dipinta a mano, per illustrare un’antica edizione del Libellus vere aureus, nec minus salutaris quam festivus de optimo rei publicae statu, deque nova insula Utopia, di sir Thomas Moore, libro più noto semplicemente come L’Utopia.

Romanzo filosofico in latino aulico, edito nel 1516, Utopia narra del viaggio di Raffale Itlodeo nella misteriosa isola che qui potete vedere, con raffigurate la sua capitale, altre città, le fonti e la foce del fiume Anidro.

Utopia, un classico del pensiero rinascimentale, porta sulla carta il sogno degli intellettuali da Platone in poi: di ridisegnare la società a loro immagine e somiglianza - e di governarla, s’intende. Sogno mai abbastanza celato.

Il risultato - sempre sulla carta - è una società perfetta. Economia pianificata, pace sociale, istruzione, cultura in ogni dove, lavoro e pane per tutti: tutto questo si trova sull’isola di Utopia, insieme a pesanti pene detentive per gli adulteri.

(via artfromthefuture)

sciencefictiongallery:

Art Sussman - Out Of The Silent Planet, 1960.

Lontano dal pianeta silenzioso, romanzo fantastico di C.S. Lewis. Il dottor Ransom, filologo, viene rapito da due loschi figuri. Si ritrova su una nave spaziale diretta verso Malacandra: Marte.

Pare che anche Lontano dal pianeta silenzioso, come il Frankenstein di Mary Shelley, sia frutto di una scommessa: per l’esattezza una scommessa fatta da Lewis con Tolkien, quella di scrivere una trilogia. Scommessa vinta da entrambi: Tolkien con il Signore degli Anelli e Lewis con la Trilogia cosmica, di cui Lontano dal pianeta silenzioso è il primo volume. Qui sopra la bella copertina disegnata da Sussman per l’edizione americana del 1960, stampata da Avon Books.

Si dice che un giorno disse a Tolkien: “Se vogliamo leggere delle storie come piacciono a noi, allora ci toccherà anche scriverle”. Il mondo delle lettere andava così.

sputnikcountry:

unbekanntersoldat:

Female Soviet sniper.

Una tiratrice scelta dell’Armata Rossa: bisogna amare i propri strumenti da lavoro.

Questa volta non volevo mettere la solita pin up.

sputnikcountry:

unbekanntersoldat:

Female Soviet sniper.

Una tiratrice scelta dell’Armata Rossa: bisogna amare i propri strumenti da lavoro.

Questa volta non volevo mettere la solita pin up.

magictransistor:

Pliny the Elder’s Rabbit-Bird, ‘Naturalis Historia’ (c. 78 AD).

Un’altra strana creatura che emerge dalle dicerie messe in giro da Plinio il Vecchio con la sua Naturalis Historia, catalogo di cose vere e di cose false.

Il coniglio alato, sogno di un impagliatore fantasioso, vivrebbe sulle cime più alte dell’arco alpino. O almeno vi viveva ai tempi di Plinio.

(via artfromthefuture)

Il dio del vaiolo degli Yoruba (Nigeria): Shapona, la cui collera causa la febbre e l’esantema caratteristici del virus.

Un tempo Shapona veniva largamente venerato, per tenerlo alla larga. Ma non bastava: i suoi sacerdoti diffondevano la malattia, usandola come strumento di potere.

themagicfarawayttree:

Prehistoric Cave painting from 35000 years ago

Uno spettro emerge da una caverna.

Tumblr mi ha detto che Cronache dei disadattati compie un anno.

(via artfromthefuture)

Anche io.

(via mandrak2000)

explore-blog:

For Copernicus’s birthday, 100 diagrams that changed the world, including his heliocentric universe. 

Oggi è il compleanno di Mikolaj Kopernik, più noto nell’italianizzazione Copernico. La sua teoria eliocentrica era azzoppata dalle orbite circolari: non permetteva osservazioni molto più precise di quelle che si poteva fare sulla base dello schema geocentrico di Tolomeo.

Ma fecero perdere lo stesso la trebisonda a Santa Romana Chiesa, sempre pronta - è il caso di dirlo - a pontificare su materie delle quali non sa nulla. Forse anche altri persero la trebisonda: ci si sente meno importanti quando si cessa di essere il centro dell’universo e ci si trasforma in una palla di fango gettata fra Marte e Venere.